#NoExpo, Mattia Sangermano ora chiede scusa: “Non sono violento”
Pubblicato da

#NoExpo, Mattia Sangermano ora chiede scusa: “Non sono violento”

Il ragazzo intervistato da TgCom24 che difendeva i black bloc, Mattia Sangermano, ventenne studente a Pavia, si scusa e ritratta tutto quello che aveva detto ed afferma:  “Mi sono accorto solo alla fine di cosa stava succedendo, non sono un violento e non romperei mai una vetrina. I miei genitori si sono arrabbiati moltissimo e sui social network mi prendono in giro, sono pronto a dare una mano a pulire la città”.

Il ragazzo dice di non aver fatto nulla e di non aver distrutto macchine o distrutto vetrine e scritte sui muri e conclude dicendo: “Dopo il casino che ho combinato, basta manifestazioni per me”. Il ragazzo dice anche che non è giustificata la violenza, i suoi genitori sono arrabbiatissimi a quanto pare ” Mio padre si è incazzato di brutto…”. Intanto su Facebook ed altri social moltissimi hanno preso in giro il ragazzo.

Il ragazzo aggiunge anche “…ero in questa manifestazione per puro caso…” e poi: “… l ‘Expo andrò a vederlo con la mia scuola… non sono dentro a i noExpo e a contro all’Expo”.

Mentre il padre del ragazzo Vincenzo Sangermano ha affermato «Prenderlo a sberle come ha fatto la mamma di Baltimora? Devo essere onesto, 4 schiaffoni glieli avrei anche dati volentieri. Però mio figlio ha quasi 21 anni, che cosa avrei risolto così? Ci ho pensato ma mi sono trattenuto» e continua dicendo  «Guardi che siamo una famiglia normale – puntualizza il padre, operaio in una ditta della zona -. Mio figlio non è uno sbandato. E’ semplicemente un pirla». «Bazzica i centri sociali perché ama il rap e il rock alternativo, ma se gli chiedete i motivi della manifestazione no Expo fa confusione. Si è infilato in una storia più grande di lui», dice il padre. La rabbia e il dispiacere per le frasi pronunciate dal figlio è palpabile. «E’ stato mio figlio minore, che ha 2 anni meno di Mattia, a mostrarmi l’intervista sul telefonino. Sono rimasto senza parole. L’ho subito cercato al cellulare. Quando è tornato a casa io e mia moglie lo abbiamo affrontato. Abbiamo litigato per ore. Ma ancora adesso non sa dare un vero perché a queste frasi assurde».

Il video in cui il ragazzo “inneggiava alla violenza” di TgCom24

Ecco i video del ragazzo che si scusa per i suoi comportamenti

Ecco alcune delle prese in giro del ragazzo su Fb

0 0 226 03 maggio, 2015 Senza categoria maggio 3, 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

ADS

DOMINI

CERCA SUL SITO

Spot