Pubblicato da

Gunther von Hagens’ BODY WORLDS.

Già dal 14 settembre e  fino al 12 febbraio 2012, è giunta, per la prima volta in Italia, la mostra di Gunther von Hagens -BODY WORLDS. Il vero mondo del corpo umano-. L’esposizione è allestita negli spazi delle Officine Farneto, nei pressi dello Stadio Olimpico a Roma. (http://www.bodyworlds.com/it/roma/comeraggiungerci.html )

Andando alla mostra Body Worlds di Gunther von Hagens non si può sottrarsi all’immagine di Leonardo da Vinci che studiava la sua “maravigliosa macchina umana”. Il paragone risulta inevitabile data l’attenzione all’anatomia dei corpi, esaltata dalla conoscenza scientifica fino a diventare arte, da mettere in mostra in tutti i suoi aspetti. L’anatomia del corpo come arte, dunque,  come scienza, come conoscenza, ma anche come coscienza. Infatti nel percorso tra i corpi umani, donati alla scienza all’istituto di ricerca del Dott. Von Hagens, ciò che si vuole mettere in risalto è la coscienza del proprio corpo, della propria carne, come propria e caratterizzante. Come i lineamenti del volto che ci contraddistinguono, anche l’interno della nostra carcassa è solo nostra, in grado di delineare il comportamento che al di fuori di essa ci permettiamo di avere. La morfologia interna si delinea dei nostri vizi, delle nostre capacità atletiche, delle patologie di cui ci ammaliamo. Il corpo lo segna, si trasforma, non lo dimentica, e lo riporta come fossero rughe di espressione sul volto.

La plastinazione, il metodo di conservazione dei tessuti e degli organi messa a punto dal Dott. Von Hagens, permette la conservazione dei tessuti  grazie a processi di lavorazione complessi, ed è questa tecnica che ha permesso la presenza alla mostra di 200 autentici campioni di corpo umano.

La mostra di Hagens è di forte impatto emotivo proprio per questa coscienza della carne che di giorno in giorno ignoriamo, perché data per scontata, se non addirittura del tutto ignorata, se non quando ci ammaliamo e allora il nostro corpo diventa l’unica cosa di cui ci importi, di cui vogliamo avere ogni informazione, dalla temperatura alla sua immagine stampata su una lastra. Nella mostra Body Worlds invece questa attenzione è serenamente messa alla portata di tutti, senza l’aggravio di alcuna apprensione ma con la percezione tangibile della straordinaria bellezza del corpo umano. Del nostro corpo.

 

Giulia Lecce

0 0 939 22 settembre, 2011 Mostre settembre 22, 2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

ADS

DOMINI

CERCA SUL SITO

Spot