• Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
  • Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk
Pubblicato da

Grammy Awards 2014: trionfano i Daft Punk

I Daft Punk sono stati, meritatamente, i grandi vincitori ai Grammy Awards americani. Il loro fantastico album, Random Access Memories, e l’onnipresente singolo Get Lucky, sono stati la colonna sonora del 2013, perfetta fusione tra il groove della musica disco anni settanta e le nuove sonorità della Electronic Dance Music. Il successo del duo rappresenta l’inizio di una invasione francese? Difficile crederlo, dal momento che nel panorama musicale pop, non sembrano esserci artisti d’Oltremanica altrettanto interessanti. Insieme ai Daft Punk, Macklemore & Ryan Lewis e Pharrell Williams sono stati i grandi vincitori alla 56esima edizione dei Grammy Awards, che si sono tenuti Domenica a Los Angeles.

Guy-Manuel De Homem-Christo e Thomas Bangalter, i Daft Punk, hanno raggiunto il palco per ritirare i premi indossando i celeberrimi caschi avveniristici, divenuti ormai la cifra stilistica del duo francese. Durante la cerimonia al Nokia Theatre, non sono mancate alcune memorabili esibizioni dal vivo. Macklemore & Ryan Lewis hanno cantato la loro hit “Same Love” mentre Madonna si è presentata indossando un cappello e un abito tutto bianco per intonare “Open Your Heart” e “Same Love”, accompagnata da Mary Lambert.

Beyoncé ha dato il via ai Grammy con una performance bollente e fumosa sulle note di “Drunk in Love”, ed indossando un vestito nero che lasciava ben poco all’immaginazione. Jay Z, fasciato in una tuta aderente, ha duettato con Beyoncé – i due sono genitori della piccola Blue Ivy -, tenendola tra le mani e ballando con lei.

Imagine Dragons e Kendrick Lamar hanno dato vita ad una performance elettrizzante mentre Robin Thicke, si è esibito prima con i Chicago, cantando brani di successo del gruppo, e poi da solista, con il tormentone “Blurred Lines” (divenuto famoso anche per un video piuttosto hot).

Sbaragliando la prestigiosa concorrenza, Macklemore e Ryan Lewis, duo hip hop di Seattle, hanno vinto il premio come migliori nuovi artisti, miglior rap album (“The Heist”), miglior canzone rap con “Thrift Shop” e miglior performance rap. Unorthodox Jukebox di Bruno Mars, si è aggiudicato il premio quale Miglior pop/vocal album mentre Michael Bublé ha vinto nella categoria affine Best Traditional Pop Vocal Album con il brano “To be loved”.

Katy Perry ha cantato “Dark Horse” in una foresta inquietante in cui lingue di fuoco rispecchiavano l’atmosfera della canzone; John Legend e Taylor Swift – che ha continuato a scuotere la testa e i capelli avanti e indietro – hanno cantato lente ballate e suonato al pianoforte. L’incontenibile Pink, ormai provetta circense, ha roteato in aria esibendosi in una performance degna del “Cirque du Soleil”. Justin Timberlake ha vinto il premio come “Best Music Video” per “Suit & Tie” e, insieme a Jay Z, si è aggiudicato il premio per la miglior collaborazione Rap/Sung per “Holy Grail”.

L’amore trionfa sempre ed era nell’aria anche ai Grammy 2014: 33 coppie – alcune delle quali omosessuali – si sono sposate durante la performance di Macklemore & Ryan Lewis. Il matrimonio di massa è avvenuto proprio durante la cerimonia di Los Angeles mentre la band si esibiva sul palco, sulle note della canzone Same Love, inno delle parità sessuale e dell’orgoglio gay.

Queen Latifah ha officiato le nozze mente le coppie, su piattaforme posizionate lontano dal palcoscenico, si scambiavano le promesse e gli anelli. Il cantante country Keith Urban, sposato con l’attrice Nicole Kidman, è stato visto asciugandosi le lacrime durante la cerimonia, evidentemente toccante e commovente.

Ecco l’elenco dei premi e dei premiati:
Album of the Year: Daft Punk – “Random access memories”
Record of the Year: Daft Punk – “Get lucky”
Song of the Year: Lorde – “Royals”
Best New Artist: Macklemore & Ryan Lewis
Best Country Album: Kacey Musgraves – “Same trailer different park”
Best Pop Vocal Album: Bruno Mars – “Unorthodox Jukebox”
Best Rap/Sung Collaboration: Jay Z e Justin Timberlake – “Holy grail”
Best Pop Solo Performance: Lorde – “Royals”
Best Rock Song: Paul McCartney, Dave Grohl, Krist Novoselic e Pat Smear – “Cut me some slack”
Best Rock Album: Led Zeppelin – “Celebration”
Best Pop Duo / Group Performance: Daft Punk – “Get lucky”
Producer of the Year: Pharrell Williams
Best Alternative Album: Vampire Weekend – “Modern vampires of the city”
Best Metal Performance: Black Sabbath – “God is dead”
Best R&B Album: Alicia Keys – “Girl on fire”
Best Urban Contemporary: Rihanna – “Unapologetic”
Best R’n’B Song: Justin Timberlake – “Pusher love girl”
Best Rap Album: Macklemore & Ryan Lewis – “The heist”
Best Rap Performance: Macklemore & Ryan Lewis – “Thrift shop”
Best Rap Song: Macklemore & Ryan Lewis – “Thrift shop”
Best Reggae Album: Ziggy Marley – “Ziggy Marley In Concert”
Best Traditional Pop Vocal Album: Michael Bublé – “To be loved”
Best World Music Album: Gipsy Kings – “Savor Flamenco”
Best Engineered Album: Daft Punk – “Random access memories”
Best Song Written For Visual Media – Adele e Paul Epworth – “Skyfall”
Best Compilation Soundrack – Butch Vig – “Sound City – Reel to reel”

Foto: Getty Images

0 0 1358 27 gennaio, 2014 Costume e società gennaio 27, 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

ADS

DOMINI

CERCA SUL SITO

Spot